Migliore bilancia da cucina 2021: classifica e guida all’acquisto

Sin dai tempi della sua invenzione, la bilancia rappresenta uno degli strumenti più importanti, essenziale in diversi ambiti. Uno di questi è sicuramente la cucina. In cucina, infatti, è fondamentale poter misurare gli ingredienti che si usano, poiché, qualche grammo di troppo di un determinato elemento potrebbe rovinare la preparazione del piatto.

Nel tempo sono state create diverse tecnologie di bilance da cucina. Nella guida di oggi andremo a vedere quali tipologie sono le migliori e, di conseguenza, le più vendute sul mercato, andando altresì ad analizzare una serie di parametri, in modo da scegliere il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

A cosa serve la bilancia da cucina

La bilancia da cucina è uno strumento essenziale poiché permette di pesare con precisione gli alimenti, in modo da poter eseguire le ricette alla perfezione. Per questo motivo, è necessario scegliere un prodotto affidabile poiché, in determinate ricette come ad esempio i dolci, è necessario pesare gli ingredienti in maniera precisa al grammo. Questo tipo di bilancia è molto utile anche per pesare il cibo durante le diete.

Come scegliere la migliore bilancia da cucina

Ma come scegliere la bilancia da cucina più adatta alle nostre esigenze? Dobbiamo tener conto di alcune caratteristiche che possono condizionare il funzionamento.

Bilancia da cucina meccanica

La bilancia meccanica, anche detta analogica, è il classico modello che segna il peso dell’alimento che stiamo pesando tramite un ago che si sposta su un quadrante numerato. Queste bilance funzionano tramite un sistema meccanico, che fa spostare l’ago sul quadrante in base al peso dell’alimento posato sul piatto.

Grazie al loro funzionamento meccanico, non necessitano di batterie per funzionare. Questo particolare permette un notevole risparmio energetico per chi sceglie di acquistarle. La pecca, tuttavia, è rappresentata da una precisione approssimativa. Risulta difficile, infatti, effettuare una lettura precisa al grammo tramite questi modelli, poiché il quadrante, nella maggior parte dei casi, è suddiviso in tacche da 10 grammi. Sarà necessario, inoltre, tarare manualmente la bilancia prima del primo utilizzo e ogni volta che sarà necessario per poter ricevere letture affidabili.

Bilancia da cucina digitale

La bilancia digitale, a differenza di quella meccanica, funziona in maniera elettronica. Questi modelli possiedono specifici sensori che, in base alla pressione che l’alimento esercita sul piatto, sono in grado di determinarne il peso e di mostrarlo tramite un display digitale. Dato il funzionamento elettronico, necessitano di energia elettrica per poter funzionare, energia che viene fornita da classiche pile stilo.

Il vantaggio di questi modelli è sicuramente la precisione. La lettura digitale, infatti, permette alla bilancia di poter pesare gli alimenti con una precisione al grammo e all’utilizzatore di avere un’idea più precisa sul peso dell’alimento.

Portata

Un altro aspetto da considerare quando si valuta l’acquisto di una bilancia è la portata. La portata è il peso massimo che la bilancia può supportare. Va da sé che, maggiore è la portata della bilancia, maggiore sarà la quantità di alimento che si potrà pesare.

Una portata più ampia, inoltre, rappresenta prestazioni migliori. Di contro, però, bilance con portate alte sono anche più grandi e più pesanti. Chi si vuole cimentare in ricette decisamente particolari, invece, dovrebbe tener conto anche della portata minima. Questo valore permette di avere un’indicazione di peso anche inferiore al grammo. Per effettuare una giusta scelta, quindi, è consigliabile optare per una bilancia da cucina con una portata massima elevata e una giusta portata minima, che possa soddisfare le esigenze più particolari.

Dimensioni del piatto

Sul mercato si possono trovare bilance con piatti di diverse dimensioni. In base alle dimensioni del piatto sarà possibile pesare diverse quantità di alimento. Su un piatto più grande, quindi, si potrà pesare una maggiore quantità di prodotto e, di conseguenza, avere una portata maggiore.

Le piccole bilance digitali, ad esempio, risultano scomode poiché, avendo un piatto di piccole dimensioni, non permettono di pesare grandi alimenti o grandi quantità. Sul mercato è possibile trovare bilance meccaniche e digitali che, al posto del classico piatto, hanno un contenitore in cui inserire gli alimenti da pesare. Queste bilance, nella maggior parte dei casi, risultano essere le più comode e le più precise.

Unità di misura

Alcuni modelli offrono la possibilità di impostare unità di misura diverse dai classici grammi, come once o libbre. Queste unità di misura sono comode per poter realizzare ricette straniere, che contengono unità di misura diverse da quelle italiane. Alcuni modelli, inoltre, possono pesare i liquidi in litri. Aspetto da non sottovalutare, soprattutto nelle ricette di dolci.

Calcolo delle calorie

Nella memoria delle bilance più tecnologicamente avanzate sono salvati specifici dati contenenti i profili nutrizionali di alcuni alimenti. Grazie a queste informazioni, è possibile calcolare le calorie di un alimento in base al suo peso. Alcuni modelli, inoltre, permettono di inserire nuovi dati per gli alimenti non presenti in memoria.

Stabilità dell’apparecchio

Potrà sembrare un fattore poco importante, ma una stabilità maggiore implica una lettura decisamente più precisa, perché si evita che il cibo si sbilanci sul piatto. Quindi, ai fini della precisione, è consigliato optare per un modello con piedini antiscivolo, che garantiscono maggiore aderenza al piano di lavoro.

Display e pulsanti

La grandezza del display e la presenza dei pulsanti determinano la quantità di funzioni che la bilancia da cucina mette a disposizione dell’utilizzatore. Un display più grande indica la possibilità di ottenere letture differenti anche nello stesso momento. Una maggiore presenza di pulsanti, invece, indica un alto livello di personalizzazione e un gran numero di funzionalità.

Migliore bilancia da cucina: la classifica

Ed ecco, di seguito, alcune tra le migliori bilance da cucina attualmente presenti in commercio. Ogni bilancia è stata analizzata nel dettaglio, evidenziando le specifiche tecniche e le caratteristiche funzionali.

Bilancia da cucina digitale Eono

Bilancia da cucina digitale Eono

La prima bilancia della nostra classifica è la EONO. Dall’aspetto professionale, questa piccola bilancia esprime il meglio che si possa richiedere da questa categoria di elettrodomestici, in un guscio di acciaio inox satinato. Pesa in due misure, grammi ed once, da un minimo di 6 grammi ad un massimo di 5 kg. I 4 sensori di precisione, le consentono di rilevare differenze di peso sino ad un solo grammo.

I due pulsanti, TARE e UNIT, sono intuitivi e garantiscono un rapido passaggio tra grammi, mg, ml ed once, oltre che la facile individuazione della tara. Particolare non trascurabile è il clic emesso dai pulsanti durante l’azione, che consente di lavorare senza guardare la bilancia. Il display è grande e retroilluminato, quindi di facile lettura nei momenti di concentrazione per la preparazione dei cibi. Il piatto in acciaio inox, grande e comodo nelle sue misure 18 x 14,5 cm, con uno spessore di 1,5 cm, consente una pulizia rapida ed efficace con un panno umido. Non si può immergere in acqua.

Leggera e pratica, alimentata da 2 pile AAA, di cui è dotata all’acquisto, è una soluzione efficace e sicura nelle cucine moderne. Disponibile anche nella versione più grande, con piatto da 23 x 19 cm, portata sino a 10 kg e spegnimento automatico. Per una maggiore precisone, si consiglia l’utilizzo su superfici piane.

JP-LED

JP-LED

Passiamo ora alla bilancia da cucina JP LED. Bilancia ad alta precisione, con un peso rilevato da pochi grammi a 5 kg. Anche questa bilancia è dotata di 4 sensori di precisione. È alimentata da 2 batterie AAA, incluse al momento dell’acquisto. Misure compatte, che ne permettono un’ampia trasportabilità, uno spessore di 1,5 cm ed un ingombro di 17×14 cm, per soli 290 grammi di peso.

Misura alimenti e liquidi in grammi, once, ml, grazie a due pulsanti touch posti ai lati del display a led, rilevando anche la tara. È dotata di un piatto in acciaio inox satinato, che consente una pulizia rapida ed efficace con un panno umido. Lo spegnimento è rapido e del tutto automatico. Viene venduta in una confezione con istruzioni in varie lingue. Il piano al momento dell’acquisto, è protetto da una pellicola in plastica blu.

Easy Home

Easy Home

La bilancia multifunzione Easy Home si presenta di aspetto gradevole, con il piano in metallo non definito. Compatta e dall’aspetto robusto, misura 20,6 x 24,9 cm ed è spessa 6,6 cm. Pesa da 1 grammo a 5 kg. Il display LCD è molto grande, il che lo rende perfettamente visibile, anche se non dotato di retroilluminazione. Ha due grandi tasti per la tara e per il cambio di unità di misura. I tasti, all’utilizzo, emettono un comodo click, che consente di avere conferma del perfetto funzionamento della azione richiesta.

Non è molto grande, ma decisamente precisa, grazie alla compattezza ed alla stabilità determinata dalla forma e dalla struttura portante. Si pulisce agevolmente con un panno umido, indica quando le 2 batterie di cui necessita sono scariche ed anche il superamento del peso massimo di portata. Dopo 2 minuti di inutilizzo, si spegne automaticamente, senza conservare i dati delle ultime pesate. Questa è la descrizione di un prodotto che merita di stare nella classifica delle migliori bilance da cucina.

CAMRY EK3643H-CM-B

CAMRY EK3643H-CM-B

Passiamo ora ad analizzare la bilancia da cucina CAMRY. Digitale, ultrasottile in plastica nera anti urto, con piatto in acciaio inox satinato. Ultracompatta e di dimensioni ridotte, con dimensioni 23,6 x 8,2 cm e con uno spessore di 3 cm, si presenta con un grande display LCD retroilluminato. Sensibilissima, rileva il peso da 1 grammo a 5 kg con estrema precisione. Posti ai lati del display, ci sono i due tasti per l’accensione e lo spegnimento, automatico se inutilizzata per due minuti.

E’ dotata di cambio da grammi a ml ed è inoltre possibile effettuare la tara. E’ alimentata da 2 batterie AAA, incluse nella confezione. Il piatto in acciaio consente una pulizia ottimale in poco tempo. Da sottolineare che il piatto di pesata non costituisce parte integrante del corpo bilancia, per una maggiore precisione nell’utilizzo; può esservi posizionato un recipiente con base sino a 18 cm. Sul retro ha una piccola zona cava, che le consente di essere appesa.

Cocoda Bilancia Cucina Digitale

Cocoda Bilancia Cucina Digitale

Ed eccoci arrivati ad analizzare la bilancia da cucina Cocoda digitale. Si presenta elegante e snella, con il suo piano in vetro temperato. Pesa da 3-5 grammi a 10kg. Dotata di 4 sensori posti sotto il piano in vetro, ha un display a led rotondo, che misura 2,4 x 1,1 cm, con fondo nero e numeri digitali illuminati, che ne facilitano la visione. Ha due tasti touch ai lati del display, retroilluminati per l’accensione e lo spegnimento, per la misurazione della tara e per la conversione dell’unità di misura. Quanto a queste ultime, supporta grammi, once e ml. Il display misura 5,8 x 2,7 cm ed è quindi estremamente visibile.

È alimentata da due batterie AAA incluse nella confezione. Al fine di contenere i consumi, si spegne dopo un solo minuto di inutilizzo. Non è dotata di fori o ganci posteriori per poter essere appesa, quindi dopo l’utilizzo si può solo riporre in un cassetto se non la si vuole tenere sul piano di lavoro.

Hoobabuy

Hoobabuy

La bilancia da cucina Hoobabuy può essere considerata un prodotto altamente professionale. Nelle ridotte dimensioni, infatti, nasconde un animo generoso. Piccola e compatta, misura 19.7 x 13.5 cm, con uno spessore di 2.8 cm, e pesa solo 230 grammi con un ingombro ridottissimo. Misura senza errori da 1 grammo a 5 kg.

E’ alimentata da due batterie AAA incluse al momento dell’acquisto. Ai lati del display ci sono due comodi tasti touch per accensione, spegnimento e per il cambio della unità di misura, possibile in grammi, once e ml. Ha 4 piedini in gomma, che impediscono lo scivolamento durante l’utilizzo. Il display, misura 6 x 7 cm, con grandi numeri chiari su sfondo nero retrolluminato, per una maggiore e più chiara visibilità.

Himaly Bilancia Cucina Digitale con Ciotola

Himaly Bilancia Cucina Digitale con Ciotola

La bilancia Himaly, è interamente in acciaio inossidabile, così come anche la ciotola contenitore compresa nel prezzo. Elegante e compatta, ha la sua qualità migliore nella piastra in acciaio inossidabile. È dotata di sensore per la temperatura, con avvisatore acustico in caso di temperatura troppo elevata. All’interno dell’ampia ciotola si possono pesare liquidi sia caldi sia freddi.

I tasti posti ai lati del display, grandi e ben raggiungibili, producono un avviso acustico al loro utilizzo. L’ampio display è retroilluminato e misura grammi, ml, once e la temperatura dell’ingrediente che si sta misurando. Ha un ingombro di 22 x 21 x 10,5 cm, compresa la ciotola. Ha un peso complessivo di 740 grammi, che la rende stabile ed allo stesso tempo sicura. La ciotola, che ha una capienza di 2 litri, è asportabile e lavabile in lavastoviglie. Sotto la ciotola vi è un piano, anch’esso in acciaio, con un diametro di ben 11 cm.

E’ una delle migliori bilance per la cucina dotata della funzione tara e cambio della unità di misura, selezionabile tramite i due tasti posti ai lati del display. È dotata di timer da 100 minuti, con indicatore acustico. Pesa con massima precisione da 1 grammo a 5 kg, è alimentata a batterie, fornite al momento dell’acquisto, ed ha lo spegnimento automatico dopo un minuto di inutilizzo. Inoltre, i 4 sensori di ultima generazione garantiscono precisione durante la pesata.

Eono VARUN

Eono VARUN

La bilancia da cucina digitale EONO è interamente realizzata in acciaio inossidabile, con piatto e ciotola rimovibile. Ha un grande display, non retroilluminato, che indica il peso. E’ in grado di misurare da 3-5 grammi, fino ad un massimo di 5. I tasti laterali consentono di calcolare la tara, di cambiare l’unità di misura da grammi a once, sino alla misurazione dei liquidi. Gli stessi si pesano con facilità, grazie alla presenza della ciotola alta 10 cm e con diametro di 21.

Togliendo la ciotola, si può facilmente utilizzare il piano, anch’esso in acciaio, di gradevole forma rotonda, in armonia con l’intera bilancia. Senza la ciotola ha un ingombro di soli 18 cm. Risulta essere molto igienica per la facilità con cui si può pulire, semplicemente con l’ausilio di un panno umido. La ciotola, inoltre, può essere lavata comodamente in lavastoviglie. Per l’alta qualità, è garantita 15 anni. Ecco perchè fa parte delle migliori bilance da cucina.

Beurer KS 25

Beurer KS 25

Nella nostra classifica sulle bilance da cucina, troviamo un’altra bilancia dotata di ciotola removibile. La BEURER K25 si presenta compatta e piccola, di poco ingombro, ma con un generoso display retroilluminato con luce blu, che consente di vedere con estrema chiarezza le cifre, in ogni caso grandi (misurano infatti ben 22 mm) e chiare. Pesa alimenti da un minimo di 1 grammo ad un massimo di 3 kg.

I due tasti per l’accensione, lo spegnimento ed il cambio di unità di misura, sono posti sotto il display. La ciotola, in plastica trasparente, è graduata con misure da 1 grammo ed ha una capacità complessiva di 1,2 litri. Si può comodamente lavare in lavastoviglie, anche se si consiglia sempre un lavaggio a mano per non opacizzare il materiale. La bilancia è alimentata da due pile AAA da 1,5 V e garantisce un maggior risparmio energetico grazie allo spegnimento automatico. Non è dotata di gancio posteriore per poter essere appesa.

Soehnle Silvia

Soehnle Silvia

La Soehnle Silvia, è una bilancia da cucina in acciaio inox, con piatto removibile, dall’estetica che ci riporta alle più tradizionali bilance di una volta. È realizzata interamente in acciaio inox lucido, con una ciotola removibile, capiente ben 1,7 litri. Il peso viene mostrato nell’ampio schermo, con funzionamento meccanico, dal fondo bianco e cifre nere con scaglioni da 20 grammi. Può pesare alimenti sino a 5 kg, con estrema facilità e precisione.

Essendo una bilancia meccanica, e non digitale, non ha bisogno di alimentazione né di batterie, quindi può essere senza dubbio considerata una bilancia ecologica. Utilizzando la rotellina laterale, che serve per regolare il peso, si può facilmente ricavare la tara. Quanto alle misure, è larga circa 27 cm, con la ciotola avente un diametro di 25. Quest’ultima è posizionata su un apposito incavo, che impedisce il capovolgimento in fase di utilizzo. Si dimostra un’ottima soluzione per gli amanti della tecnologia coniugata alla tradizione.

Bilancia da cucina meccanica Karcher

Bilancia da cucina meccanica Karcher

Anche questa bilancia, dall’aspetto accattivante, è un prodotto meccanica, che immediatamente ci fa ripensare alla bilancia delle nostre nonne. Esteticamente compatta, possiede con corpo in plastica rossa e ampia ciotola removibile in acciaio inox, perfettamente lavabile in lavatrice.

Ampio quadrante rotondo, con segnapeso e numeri neri, graduata con incrementi di 20 grammi ed una portata massima di 5 kg. Essendo meccanica, quindi ecologica, non ha bisogno di alimentazione. Molto pratica, misura solamente 23 x 21 x 25 cm, con un piatto avente diametro di 20 cm e capacità di 1 lt.

NEDIS KASC110RD

NEDIS KASC110RD

L’ultimo prodotto della nostra selezione delle migliori bilance da cucina è analogica di colore rosso della Nedis. Si tratta della Kasch110RD, un modello dal design retrò, dotato di ciotola in acciaio inox removibile. Ha dimensioni 25 x 25 x 21 cm ed è in grado di pesare fino a 5 kg. Le stesse dimensioni, associare ad un peso ridotto, permettono di poterla trasportare in qualsiasi posto, sulla base delle proprie esigenze e necessità.

Bilancia analogica o digitale

Per poter effettuare una scelta più consona alle esigenze che la bilancia deve soddisfare, è bene analizzare pro e contro nell’utilizzo di questi strumenti. In termini di precisione, la bilancia digitale è sicuramente migliore rispetto alla bilancia analogica. Nei modelli digitali, infatti, è presente un display in cui viene mostrato il peso dell’alimento, con una precisione al grammo. Nei modelli analogici, invece, il peso viene letto in base alla posizione dell’ago su un quadrante, suddiviso di solito in valori di 10 in 10 grammi.

Per quanto riguarda i limiti di peso, le bilance analogiche riescono ad avere una portata maggiore, in modo da poter pesare alimenti più pesanti o in maggiori quantità. Mentre la maggior parte delle bilance digitali arrivano ad una portata di 5 kg, i modelli analogici riescono ad arrivare ad una portata massima di 10/15 kg, anche se con una precisione decisamente inferiore.

A livello di funzionalità, invece, non c’è dubbio che i modelli digitali siano decisamente più performanti degli analogici. Questi modelli, infatti, sono in grado di tararsi autonomamente e di azzerare la tara, funzionalità che permette di pesare il cibo in comodi contenitori, senza tener conto del peso del contenitore.

Un altro aspetto che potrebbe risultare importante quando si hanno pochi spazi è l’ingombro. I modelli digitali sono di solito caratterizzati da un design piatto, che permette di occupare pochissimo spazio. I modelli analogici, invece, occupano volumi decisamente maggiori, per via del meccanismo che utilizzano per determinare il peso degli alimenti.

Perché acquistare una bilancia da cucina

Ci sono diversi motivi per acquistare una bilancia da cucina. Questo strumento può essere utile in diversi ambiti del mondo culinario. Il motivo principale, tuttavia, resta la possibilità di poter pesare gli alimenti in maniera precisa. Questa possibilità permette all’utilizzatore di poter realizzare le ricette più disparate e particolari, di pesare gli alimenti in modo da evitare sprechi e di poter seguire in maniera corretta qualsiasi tipo di dieta che preveda precise quantità di alimenti.

Come funziona la bilancia da cucina

Una bilancia da cucina ha un funzionamento decisamente semplice. Che sia essa elettronica o digitale, per poter pesare un alimento, sarà sufficiente poggiarlo, e visionare il peso sul monitor.

Le bilance meccaniche funzionano grazie ad un meccanismo interno che, in base al peso dell’alimento, fanno girare un ago in un quadrante fino a segnare il peso dell’alimento apposto. Maggiore sarà il peso dell’alimento, maggiore sarà lo spostamento dell’ago nel quadrante. Le bilance elettroniche, invece, contengono funzionali circuiti elettrici al di sotto del piatto. Quando un alimento viene poggiato sullo stesso, la cella che contiene i circuiti si piega leggermente, variando così il segnale elettrico che passa all’interno della cella. Questa variazione viene convertita in un numero che sarà poi il peso dell’alimento. Maggiore è il peso, maggiore sarà la variazione del segnale elettrico.

Come usare la bilancia da cucina

Per poter utilizzare al meglio una bilancia da cucina è importante comprendere che esistono specifiche pratiche da poter adottare, in modo di ricevere sempre il valore più veritiero. Le bilance meccaniche sono quasi sempre dotate di un piatto su cui poggiare gli alimenti da pesare. Qualora si scegliesse di utilizzare il piatto in dotazione, e qualora si fosse tarata la bilancia con quel piatto in modo che, nonostante il suo peso, la bilancia a vuoto segni il valore zero, è sufficiente poggiare l’alimento sul piatto e leggerne il peso. Nel caso in cui si scegliesse di utilizzare un altro piatto, bisognerebbe tarare la bilancia sul peso del piatto scelto, per fare in modo che, con il piatto vuoto, la bilancia segni lo zero.

Dopo esserci assicurati che, con il piatto scelto o con quello fornito in dotazione, la bilancia segni lo zero, possiamo poggiare l’alimento da pesare all’interno del piatto e leggerne il peso. Per le bilance meccaniche, dotate di un ago, per poter leggere al meglio il peso di un alimento è necessario mettersi allo stesso livello dell’ago, in modo da non rischiare di effettuare letture sbagliate. Anche le bilance elettroniche hanno questo problema.

Se si volesse pesare un alimento contenuto in un piatto dopo aver acceso la bilancia, questa ci restituirebbe il peso del piatto più il peso dell’alimento. Per evitare questa falsa lettura, si può accendere la bilancia, poggiare il piatto, premere il tasto tara per poter riportare il peso a zero e poi aggiungere l’alimento del piatto in modo da ottenere solo il peso di quest’ultimo.

Come calibrare una bilancia da cucina

Una bilancia da cucina ben calibrata permette di poter pesare gli alimenti con una precisione maggiore. È quindi fondamentale ricalibrare in maniera periodica le bilance. Che sia un modello meccanico o un modello digitale, i passi da seguire per effettuare questa operazione sono relativamente semplici.

Per calibrare una bilancia elettronica bisogna, come primo passo, girare la bilancia con il piatto rivolto verso il basso ed attendere 30 secondi. Questa operazione permette alla bilancia di azzerare la lettura e riportare i valori allo zero assoluto.

Successivamente, bisogna premere il pulsante cal o mode, dipende dalla lingua, fino ad ottenere prima un valore pari a “0” o “000”, poi un valore con la scritta “CAL”, che indica all’utente di aver impostato la bilancia in modalità calibrazione.

Una volta entrati in questa modalità, si può pesare un oggetto di cui si conosce il peso esatto e controllare se la bilancia ritorna un peso uguale. Una volta accertato il peso, si può premere il tasto “CAL” per 5 secondi e la bilancia memorizzerà la nuova calibrazione.

Manutenzione della bilancia da cucina

La manutenzione di una bilancia, che sia elettronica o digitale, comporta passaggi relativamente semplici.

È consigliato pulire la bilancia dopo ogni utilizzo, per evitare che si formino macchie o, nel caso di bilance meccaniche, che finiscano dei residui di cibo all’interno, che a loro volta potrebbero danneggiarne il meccanismo di funzionamento. Inoltre, per poter ottenere letture sempre corrette, è buona pratica calibrare spesso la bilancia.

FAQ

Quanto costa una bilancia da cucina?

Di bilance da cucina ne esistono di ogni tipologia e di ogni costo. All’interno della nostra guida completa abbiamo elencato alcune delle migliori bilance da cucina, che partono da poche decine di euro, a salire per modelli più performanti.

Come capire se la bilancia funziona bene?

Per comprendere se la bilancia funziona bene è possibile utilizzare due sistemi. Il primo prevede la misurazione di un oggetto di cui si conosce con certezza il peso. Il secondo è misurare un oggetto con una bilancia a due piatti, confrontando il valore con la bilancia appena comprata.

Qual è la sensibilità di una bilancia da cucina?

Le bilance meccaniche possiedono di norma una sensibilità più bassa di quelle elettroniche, le quali possono arrivare a misurare anche i milligrammi (o anche meno in caso di prodotti performanti).

banner per shortcode tg pricecut

Lascia un commento

Qui si risparmia

Unisciti al nostro canale Telegram per ricevere codici sconto e offerte per i tuoi acquisti. Ci sono già + di 50.000 che risparmiano con noi ogni giorno.