Rimborso Ryanair: quando chiederlo e come funziona

Non solo Covid e restrizioni sanitarie. Sono moltissimi i motivi per i quali spesso siamo costretti ad annullare una vacanza. Per fortuna, ogni compagnia aerea dispone di precise regole e procedure per il rimborso di un biglietto. Qui ti spieghiamo come richiedere un rimborso Ryanair.

Nei Termini e Condizioni del servizio della compagnia, si esplicita che Ryanair non concede rimborsi al di fuori di precise eventualità:

  • Cause indipendenti dalla volontà del passeggero (cancellazione, impossibilità del volo o cessazione di una rotta)
  • Morte di un familiare immediato (anche se non passeggero del volo)
  • Decesso o grave malattia di un passeggero

Un passeggero impossibilitato a partire può inoltre richiedere a Ryanair il rimborso delle sole tasse governative, inoltrando una richiesta per iscritto entro un mese dalla data di partenza del volo.

Facciamo un’altra precisazione, ripresa direttamente dalla compagnia irlandese. In fase di acquisto, è importante verificare che la vendita del biglietto avvenga tramite la piattaforma ufficiale di Ryanair, e non su siti esterni ad essa collegati. Parliamo dei cosiddetti siti di screen scraping, che spesso conservano i dati forniti dall’utente ma non li comunicano a Ryanair – o li comunicano errati. In questo modo, per la compagnia è impossibile procedere non solo al rimborso, ma anche al semplice contatto con il cliente. Per questo, Ryanair mette a disposizioni di chi vuole ottenere un rimborso un Modulo di verifica dati cliente da compilare se si è acquistato da sito terzo.

Ryanair: rimborso o voucher?

Se invece hai acquistato il tuo biglietto dal sito ufficiale e sei costretto ad annullare un volo, puoi optare per due modalità di rimborso Ryanair: il voucher o il rimborso diretto. Mediante la compilazione di questo modulo, puoi avviare la pratica di rimborso. In un secondo momento, ti verrà richiesto di scegliere fra le due opzioni disponibili.

I voucher sono codici a 18 cifre che ricevi via email dopo aver richiesto un rimborso. Ciascuno di essi ha un importo preciso, corrispondente al prezzo pagato, e una data. Puoi infatti utilizzare questi voucher fino a 24 mesi di tempo dopo la richiesta di rimborso. A tal proposito, si tenga conto che è obbligatoria entro i 24 mesi la sola prenotazione del volo, mentre la partenza può essere anche successiva alla data indicata.

I voucher di rimborso Ryanair sono utilizzabili anche per spese extra come bagagli, imbarco prioritario etc. Nessun limite alle destinazioni, che comprendono anche i voli già in promozione. Infine, ricorda che puoi anche accumulare più acquisti con un solo voucher, ad esempio acquistando voli diversi per la stessa persona o lo stesso volo per più persone. I voucher, essendo di più immediata fruizione, sono quindi la corsia preferenziale di rimborso della compagnia. Si tratta infatti di codici generati automaticamente con i quali puoi facilmente acquistare sul sito un nuovo volo, mantenendo un credito di pari importo a quanto speso per il volo precedente.

In alternativa, è possibile richiedere un rimborso che verrà accreditato sul conto attraverso il quale è avvenuto l’acquisto. In questo caso, la compagnia aerea avvisa che le procedure potrebbero impiegare più tempo, dovendo trattare con dati bancari e sensibili dell’utente.

Lascia un commento

Qui si risparmia

Unisciti al nostro canale Telegram per ricevere codici sconto e offerte per i tuoi acquisti. Ci sono già + di 50.000 che risparmiano con noi ogni giorno.